Archivi tag: espatrio

Il mio fedele destriero

Amo la natura, stare all’aria aperta e non avere troppI vincoli.
Fin da piccola ho amato le macchine cabrio, tanto da obbligare I miei genitori ad affittarne una durante un mitico viaggio alle Hawaii.

Da quando ne ho scoperto l’esistenza ho deciso che quello sarebbe stato il mezzo di locomozione perfetto per me: lo scooter!

Ovviamente I miei genitori erano contrari sia a comprarmelo che a lasciarmelo usare.
Ovviamente io ho fatto le peggio cose con la mia amica del cuore E. che aveva uno splendido Scarabeo blu.
Mi sono poi trovata un fidanzato con la moto e quando finalmente ho compiuto 19 anni me lo sono comprata con I miei soldini (super scazzo ovviamente dei mieI genitori).

Il mio primo amore è stato lui: uno Zip Piaggio nero usato e pure un po’ tamarro. Ha comunque superato il test genitori ed è stato il mio primo fedele destriero.

A metà università mi ha lasciato e mi sono consolata con un più chicchettoso Kymko People bordeaux che mi ha seguito nei primi anni di lavoro ed ha anche scarrozzato la mia primogenita: incinta fino a 7 mesi con lo scooter pure sul pave’. Assai incosciente lo so, ma non ero pronta a rinunciare alla mia rapida mobilità. Avevo solo 27 anni e davvero poca consapevolezza di cosa voglia dire essere una madre.

Il mitico Kymko ci ha seguito anche a Genova, caricato sul furgone Amico Blu con cui abbiamo traslocato, e si è difeso bene per il primo anno di Liguria. Poi le salite, il vento e la salsedine hanno avuto la meglio…

Ecco quindi arrivare il super Symphony della Sym argento, il tarocco del Liberty Piaggio 125 cc. Più adatto ad una neo trentenne che cerca di continuare a fare l’Arch spostandosi per le vie della lunga, impervia e spesso bagnata Genova. Conosce solo vagamente la mia secondogenita (un po’ di sale in zucca alla fine mi è entrato) e sopravvive pure alle alluvioni.

Oggi mI ha accompagnato per l’ultima volta (con Allerta 2 tanto per cambiare ;)) a Yoga e lunedi verrà venduto ad una mia cara amica.

Inizia così un nuovo paragrafo australiano senza scooter, anche se ero assai tentata di metterlo nel container.

Posso sempre darmi all’addestramento canguri 😉

ps: in realtà ho scritto questa valanga di vaccate per annunciare che è iniziato il conto alla rovescia e sono iniziati I saluti, quelli veri, alle persone ed alle abitudini.

Ma ormai siamo in ballo e balliamo…e speriamo che vada tutto bene!

Annunci