I miei trucchi per insegnare l’inglese…dai 3 anni e mezzo!

Quest’estate ho deciso di provare ad insegnare l’inglese a 2G e 3G, come vi ho iniziato a raccontare nel post “Let’s speak in English!”
La difficoltà per me e lo scetticismo di molti sta nel fatto che ho iniziato quando 2G aveva già 3 anni e mezzo e che, per vari motivi, mi sto occupando personalmente dell’insegnamento.
Gradualmente, da parlare solo in italiano, sono arrivata a parlare, per il 70% del tempo solo in inglese…cercando di non far percepire a 2G alcun allontanamento della sua mamma, obiettivo non affatto facile.

Ecco le tecniche che MA sta scoprendo insieme a 2G per aiutarla ad apprendere l’inglese, divertendosi il più possibile!

Cartoni animati in inglese: uno su tutti Peppa Pig da You Tube

Canzoni in inglese: MA si sta trasformando in un juke box ambulante ed in una pessima ma efficace rapper, perché integra le canzoni con nuove parole utili per le attività di 2G!

Ecco la nostra top ten o quasi:
* “London Bridge is falling down” 2G ogni volta che vede che qualcosa rischia di cadere o sta cadendo esclama divertita: “like the London Bridge!”
* “Mulberry Bush“: utile per le attività come lavarsi i denti o pettinarsi. MA la integra con nuove strofe sul mettersi il pigiama o mangiare la frutta.
* “If you are happy and you know it“: utile per le attività corporee come battere le mani, girare su sé stessi, viene integrata in modo fantasioso con qualsiasi cosa, dal fare lo scivolo al cantare una canzone.
* “Goodmorning Song” : canzone del risveglio, che introduce in modo soft l’inglese di prima mattina e dopo il pisolino. Descrive tutte le parti della giornata, MA aggiunge il pranzo, la merenda, la cena ed i programmi della giornata.
* “Head, shoulder, knees and toes“: perfetta per le parti del corpo
* “One, two, buckle my shoes...”: per imparare i numeri da 1 a 20
* “Rain, rain go away… 2G the girl wants to play“: introduce la pioggia ed il verbo giocare. MA spazia tra i fenomeni metereologici e i vari protagonisti (il fratello, la sorella, l’amica, la zia) seguiti dal nome proprio di persone conosciute e le più svariate attività!
* “Tommy Thumb, where are you?“(https://www.youtube.com/watch?v=B-a-1_OrtNg)  insegna i nomi delle dita, specialmente ai genitori!

Potete trovare i testi direttamente su you tube, nella descrizione del video prescelto, o su google inserendo il nome della canzone seguito dalla parola “lyrics”.
Trovate un’ottima scelta di testi anche sul blog “Inglese per Piccoli” e sul sito “Filastrocche.it

Traduttore sul cellulare: 2G si diverte a scoprire come si dicono alcune parole, quindi MA scrive in italiano facendo lo spelling in inglese, così introduce l’alfabeto.
2G schiaccia la freccia per tradurre e poi il simbolo dell’altoparlante per ascoltare la traduzione. MA impara nuove parole e prova a migliorare il suo accentaccio!!!

Esperienza di Pancia:

per i momenti di difficoltà…
– MA torna a parlare italiano e cerca di capire quando 2G è stufa prima di arrivare al perentorio: “mamma, me lo dici in Italian?”
2G è infatti serena finché si gioca e si parla di argomenti famigliari, quando invece vuole conoscere qualcosa di nuovo esige l’italiano ed ha ragione! Ecco perché le canzoni sono così utili per arricchire il suo vocabolario.
– Mary, il peluche che viene da Londra, accorre in aiuto nei momenti meno divertenti con suoni, versi e vocine buffe.
– Al momento 2G si sente più tranquilla se c’è qualcun altro a casa che parla italiano, anche se in realtà capisce già moltissime parole e concetti. Il papà che accorre in aiuto è sempre una grande risorsa!
Il momento più difficile è dopo il pisolino, quando siamo noi tre donne da sole e 2G non ha molta voglia di inglese. Ho capito che è meglio iniziare con un’attività in italiano come leggere un libro e solo dopo mezzoretta passare all’inglese. Le canto la canzone del Goodmorning che introduce il cambio di lingua e così procediamo bene fino a sera!

Sarà un inverno impegnativo ma sono felice di aver intrapreso questa strada dell’inglese.
Peccato non averci pensato prima, ma con uno sforzo maggiore 2G può sviluppare davvero grandi capacità utili per il suo futuro.
A breve inizieremo a frequentare la ludoteca in inglese e prossimamente avrei piacere di poter ospitare una ragazza alla pari madrelingua… Chissà!
3G intanto assorbe tutto e si domanda: “Ma mia madre che fa il giullare di corte per farsi capire da mia sorella, ci è o ci fa? Mah!!!”

Qualche mamma ha intrapreso come me quest’avventura? Quali strategie state mettendo in atto? Consigli e trucchi sempre graditi…

Link utili:
– “Learn With Mummy” – ludoteca in inglese presente in molte città italiane…partecipano anche MA e 2G!
– “Blog Bilingue per Gioco” – tanti racconti di genitori non madrelingua, questa in particolare e’ la storia di una mamma che ha iniziato ancora più tardi di me con l’inglese!
– “The magic of Play” – altro sito con dritte per insegnare l’inglese giocando
– Sito “British Council/parents“, ho trovato utili indicazioni su come aiutare tuo figlio ad imparare l’inglese

Annunci

4 pensieri su “I miei trucchi per insegnare l’inglese…dai 3 anni e mezzo!

    1. Grazie, sono contenta ti sia piaciuto il blog! L’insegnamento dell’inglese è una delle mie nuove avventure e aver iniziato “tardi” con 2G è ancora più dura…anche se, a dire la verità, tutto ciò che riguarda la primogenita mi sembra più difficile, anche per te è così? Farò volentieri un salto nel tuo spazio: adoro i viaggi! Per ora non sono su FB, già il blog per me è un bell’impegno, ma mai dire mai 😉

    1. Abbiamo fatto oggi la prima prova ed iniziamo tra 2 settimane, proprio vicino a voi! E’ stato molto divertente, magari scriverò un bel post ;)! A sabato, sperando nel sole!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...